stanzaunozerouno

Sentinella, quanto resta della notte?

L’isola che non c’è [racconto di Stefano Bon]

Questo brevissimo racconto (pubblicato sul libro “365 racconti sulla fine del mondo”, Delos Book, 2012), narra dell’amore per la vita e la lettura di due androidi lasciati a morire sulla Terra da un’umanità in fuga dal pianeta.

This short story (published in the book” 365 stories about the end of the world “, Delos Book, 2012), tells of the love for life and the reading of two androids left to die on Earth by a humanity fleeing the planet.

Quando anche l’ultimo dei terrestri se ne fu andato, Anna mi venne vicino e mi fissò con insistenza senza dire nulla.

Non sembrava in grado di esprimere a parole quello che provava ma io la conoscevo bene. Sapevo quanto fosse importante per lei non sprecare il poco tempo che ci restava.

Le presi la mano e la baciai delicatamente. Un gesto che parve alleviare la sua tensione e in parte anche la mia.

“ Ho preparato tutto in giardino: il tavolino, i fiori, il the e uno dei libri che hanno dimenticato.”

“ Molto bene ” dissi, avviandomi con lei.

Il sole splendeva come faceva da millenni, come avrebbe continuato a fare, incurante di ogni cosa.

Ci sedemmo e gustammo il the, assaporando il silenzio del mondo come una parte del sogno che avevamo vissuto per tutti quegli anni. Non ricordavo con esattezza quanti fossero, ma abbastanza da farmi capire che era giusto così.

La tecnologia aveva fatto passi da gigante, le stelle erano state raggiunte, mentre noi eravamo rimasti uguali a una volta, superati.

Anna prese a leggere e per un po’ la sua voce fu solo un canto lontano, come uno di quei ricordi che faticavo a distinguere tra realtà e innesti.

Mi strinse la mano chiamandomi a sé: “…il modello che avete acquistato è garantito per una vita media di 50 anni standard e non necessita di revisioni oltre quelle programmate… ”.

Mentre leggeva mi allungai verso di lei sollevando delicatamente il lembo della copertina per essere sicuro di avere udito bene.

Lei si interruppe un momento e sorrise in modo amaro. “ Non gli servivano più neppure le istruzioni ”, sussurrò.

Annuii e la baciai sulla tempia. Le tolsi di mano il libretto di garanzia del nostro modello THX1138 e trassi un libro dalla tasca. Glielo porsi con un gesto d’incoraggiamento.

Peter Pan di J.M. Barrie…” lesse con diffidenza ma subito si lasciò catturare dalla magia della favola.

Mi ero illuso di poter diventare uomo, un giorno.

Ora mi illudevo che il meteorite che di lì a poco ci avrebbe uccisi potesse anche lui perdersi nell’isola che non c’è.

Stefano Bon @ 2012

Link collegati all’articolo:

1) Delos store: 365 racconti sulla fine del mondo

2) Delos Book

3) THX 1138 (1971) – Original Trailer

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Circolo16

Laboratorio di Scrittura libera poesia e narrativa

stanzaunozerouno

Sentinella, quanto resta della notte?

KippleBlog

Be Weird Be Kipple

Don't Panic!

Guide, curiosità e spunti per la sopravvivenza di asociali e geek

Lorerama

Scritti dal presente e su futuri incerti

il Vortex

blog personale di Giorgio Ginelli

MARCIO - Lo Zombie's Blog

rantolando mi trascino verso la carne viva

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: