stanzaunozerouno

Sentinella, quanto resta della notte?

Semplicemente Kafka… di Maurizio Canauz, un libro da non perdere

La recensione di un interessante libro su Kafka, scritto da un amico. Frammenti delle sue opere e della sua vita interpretati attraverso la chiave del realismo. Un piacevole viaggio all’interno del mondo kafkiano con una guida preparata e sicura.

The review of an interesting book on Kafka, written by a friend. Fragments of his works and his life interpreted through the key of realism. A pleasant journey into the Kafkaesque world with a prepared and safe guide.

Scrivere la recensione al libro di un amico è sempre complesso, si teme di non essere obiettivi o di esserlo troppo, non indugiando sufficientemente ai pregi del lavoro. Tuttavia non farlo sarebbe un peccato perché in un mondo dove molto è apparenza si rischia di perdere ciò che è piacevole solo perché è meno urlato, meno strombazzato.

Per questo mi sembra giusto dare voce anche a chi ne ha di meno, fare da megafono soprattutto quando il libro che intendo presentare è quello del mio co-blogger: Maurizio Canauz.

Lo scritto, dal titolo Semplicemente Kafka…, si propone di fornire al lettore svariati spunti di riflessione per interpretare le tematiche portanti del pensiero kafkiano, tenendo conto però di un’unica stella consigliera, di un’unica (o almeno prevalente) chiave di lettura: il realismo.

Kafka realista? Bella domanda. Come può essere un realista chi fa svegliare il protagonista del suo racconto tramutato in insetto o fa parlare un cane o una scimmia?

Dovrebbe essere considerato assolutamente un surrealista, uno scrittore che fa della fantasia e dell’immaginazione la base dei suoi scritti, uno scrittore che, in altri termini, non guasterebbe nelle pagine di questo blog. Ebbene no. Secondo Maurizio, infatti, se si toglie la patina esterna e si arriva al cuore della narrazione si trova una buona dose di realismo.

Il saggio ha, quindi, come motivo conduttore la riscoperta di quegli elementi in cui vi è una contaminazione tra realtà e creatività, tra la biografia dell’autore e la sua attività letteraria. Aspetti questi che si intrecciano come fili di colore diverso all’interno della stessa trama.

La letteratura per Kafka è un’ossessione, una fuga dalla vita vissuta, un mezzo per costruire un mondo alternativo da dominare con forza demiurgica e affrontare al meglio la complessità dell’esistenza, pur sapendo di non avere alla fine, come ogni mortale, alcuno scampo.

Il distacco, sudato e cercato con ostinazione, dalle cose terrene consente a Kafka di descrivere e osservare la realtà in maniera analitica e talvolta umoristica. Lo scrittore praghese si addentra così nei meandri della vita attraverso piccoli strappi e minuscole rotture da cui coglie l’essenza delle cose.

Maurizio cerca di percorre le stesse strade per arrivare il più vicino possibile al cuore dell’opera di Kafka stesso, mostrandolo senza sovrastrutture ma nella sua semplicità: SEMPLICEMENTE KAFKA…, appunto.

Con questa chiave di lettura vengono letti alcuni temi tipici dell’opera dell’autore praghese: nella prima parte gli animali (dai topi alle scimmie passando dalle talpe) che popolano molti dei suoi racconti, nella seconda il rapporto con il lavoro, la sua organizzazione e quello con la malattia.

Infine nella terza parte Kafka è solo lo spunto (con la sua vita e alcuni temi dei suoi racconti), di riflessioni che come cerchi concentrici si allargano sempre più affrontando tematiche quali quelle della giustizia, della morte e dell’etica.

Un libro che abbraccia uno studio e una riflessione durate un ventennio e che riconducono inevitabilmente all’altro libro pubblicato da Maurizio Canauz avente come argomento Kafka dal titolo: Kafka e le donne. Amori e personaggi dell’universo kafkiano, di cui quello qui proposto è un arricchimento, un completamento e un approfondimento.

Spero che non vi siate fatti l’idea di un libro noioso, per adepti. Io che l’ho letto in anteprima posso dire che vi sono ben dosati la leggerezza della narrazione e la “pesantezza” dell’approfondimento corredato da molteplici ed esaurienti note.

Insomma un libro per tutti. Per chi neofita vuole avvicinarsi a Kafka, per conoscere meglio questo autore all’apparenza un po’ misterioso o per chi esperto voglia ricostruire percorsi alternativi e suggestioni che possono fornire ulteriori spunti per l’approfondimento della conoscenza e l’interpretazione dei testi dello scrittore praghese.

Infine alcune informazioni pratiche.

Se qualcuno o per questa recensione o perché invogliato dagli articoli di Maurizio su Stanzaunozerouno (come l’ultimo: KAFKA, WORKAHOLISM e CYBORG) vorrà acquistarlo potrà farlo o presso l’editore al seguente indirizzo web: https://www.etabeta-ps.com/component/virtuemart/ oppure presso le principali librerie on line (IBS; Feltrinelli, Hoepli ecc.) o contattando direttamente l’autore attraverso questo blog o all’indirizzo libro.canauz@gmail.com

Buona lettura

Stefano Bon @ 2020

Autore: Maurizio Canauz;

Titolo: Semplicemente Kafka…;

Editore: EBS;

Anno: 2020;

Pagine: 266 p., Brossura

EAN: 9788893497848.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ilpensatoiodimatilda

L'unico tiranno che accetto in questo mondo è la voce silenziosa della mia coscienza

stanzaunozerouno

Sentinella, quanto resta della notte?

KippleBlog

Be Weird Be Kipple

Don't Panic!

Guide, curiosità e spunti per la sopravvivenza di asociali e geek

Lorerama

Scritti dal presente e su futuri incerti

il Vortex

blog personale di Giorgio Ginelli

MARCIO - Lo Zombie's Blog

rantolando mi trascino verso la carne viva

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: